La formazione retribuita sul lavoro: un’opportunità anche per i servizi educativi e le scuole dell’infanzia

Fra le novità del Decreto Agosto (DL 14 agosto 2020, n. 104: Misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell’economia), c’è anche la possibilità di usufruire della formazione retribuita sul lavoro fino a tutto il 2021. Questo riguarda società ed imprese, comprese quelle che gestiscono nidi e scuole dell’infanzia che aderiscono a contratti nazionali collettivi.

Ma come funziona di preciso questa possibilità? Quali sono i vantaggi per i datori di lavoro e per insegnanti ed educatori o personale ausiliario?

Per prima cosa occorre specificare che si tratta di formazione rivolta sia alle nuove esigenze d’impresa dettate dall’ emergenza Coronavirus, sia alla ricollocazione dei lavoratori, in conseguenza di un mutato scenario operativo. Nel nostro caso ad esempio, potrebbe essere la formazione per la riorganizzazione degli spazi e delle attività educative come prescritto dalle normative di sicurezza anti Covid, la rimodulazione dei progetti educativi e della programmazione didattica, la formazione per organizzare la didattica a distanza.

A introdurre l’agevolazione era stato l’articolo 88 del dl 34/2020, che ha previsto per il 2020 la possibilità di inserire nei contratti territoriali o aziendali la formazione retribuita, effettuata riducendo l’orario di lavoro.

Art. 88

Fondo Nuove Competenze

1. Al fine di consentire la graduale ripresa dell’attivita’ dopo
l’emergenza epidemiologica, per l’anno 2020, i contratti collettivi
di lavoro sottoscritti a livello aziendale o territoriale da
associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente
piu’ rappresentative sul piano nazionale, ovvero dalle loro
rappresentanze sindacali operative in azienda ai sensi della
normativa e degli accordi interconfederali vigenti, possono
realizzare specifiche intese di rimodulazione dell’orario di lavoro
per mutate esigenze organizzative e produttive dell’impresa, con le
quali parte dell’orario di lavoro viene finalizzato a percorsi
formativi. Gli oneri relativi alle ore di formazione, comprensivi dei
relativi contributi previdenziali e assistenziali, sono a carico di
un apposito Fondo denominato “Fondo Nuove Competenze”, costituito
presso l’Agenzia Nazionale delle Politiche Attive del Lavoro (ANPAL),
nel limite di 230 milioni di euro a valere sul Programma Operativo
Nazionale SPAO.
2. Alla realizzazione degli interventi di cui al comma 1 possono
partecipare, previa intesa in Conferenza permanente per i rapporti
tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano,
i Programmi Operativi Nazionali e Regionali di Fondo Sociale Europeo,
i Fondi Paritetici Interprofessionali costituiti ai sensi
dell’articolo 118 della legge 23 dicembre 2000, n. 388 nonche’, per
le specifiche finalita’, il Fondo per la formazione e il sostegno al
reddito dei lavoratori di cui all’articolo 12 del decreto legislativo
10 settembre 2003, n. 276 che, a tal fine, potranno destinare al
Fondo costituito presso l’ANPAL una quota delle risorse disponibili
nell’ambito dei rispettivi bilanci.
3. Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di
concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, da emanare
entro sessanta giorni dalla entrata in vigore del presente decreto,
sono individuati criteri e modalita’ di applicazione della misura e
di utilizzo delle risorse e per il rispetto del relativo limite di
spesa.

Queste ore vengono indennizzate dallo Stato, pertanto:

  • il datore di lavoro risparmia,
  • il lavoratore incassa lo stipendio sostituendo alcune ore di lavoro con altrettante ore di formazione.

In base al Decreto Agosto, gli accordi devono essere firmati entro il 31 dicembre 2021 e possono prevedere fino a 200 ore di formazione retribuita, previa rimodulazione dell’orario di lavoro. Non resta che rivolgersi al proprio commercialista per verificare se si rientra nelle categorie di imprese che possono usufruire di questa possibilità.


PER SAPERNE DI PIU’: dal catalogo dei corsi Zeroseiplanet per gestori e coordinatori di servizi educativi, il CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER COORDINATORI DI SERVIZI EDUCATIVI

 

CHIEDI INFORMAZIONI QUI >>>