L’asilo nido itinerante

In Italia è una tipologia di servizio particolarmente innovativo, se ne contano ancora pochi esempi, ma è in rapida diffusione. Si tratta dell’ asilo nido itinerante, una via di mezzo fra il nido famiglia e il playgroup: una educatrice specializzata segue un gruppetto di 5-6 bambini che vivono nella stessa zona, recandosi a turno a casa delle famiglie stesse disponibili ad ospitare il servizio.

Il nido itinerante è molto in voga in alcuni paesi dell’America Latina, in particolare in Argentina. A rotazione quindi, il gruppo si riunisce nella casa di uno dei compagni e la maestra arriva con il necessario quotidiano per le attività che intende svolgere coi bambini.

L’asilo itinerante si sposta quindi di casa in casa: l’educatrice raggruppa cinque bambini riunendoli ogni volta nella casa di ognuno di questi. Così i piccoli socializzano e si rapportano a rotazione con la condivisione del proprio spazio abitativo con gli altri bambini. L’attività della maestra è supervisionata ed il gruppo è periodicamente “osservato” per aiutare la maestra a comprenderne le dinamiche e favorirne le interazioni positive. E’ un’esperienza molto formativa per i più piccoli, sono poche ore al giorno, tre, ed i bambini possono partecipare dalle due alle cinque volte a settimana. Il vantaggio è che l’asilo non è in un edificio distinto bensì nella propria casa ed in quella dei compagni. I bimbi imparano a condividere i propri spazi ed i giochi mentre la maestra si integra con la vita quotidiana del piccolo, conoscendone abitudini, dinamiche e ritmi.

In tal senso, un caso interessante di asilo nido “innovativo” in agricoltura è l’asilo nido itinerante del distretto agro-alimentare di Qualità di Sibari della regione Calabria. Nel dettaglio, il distretto è formato da 91 aziende agricole locali, e la filiera alimentare più importante è quella ortofrutticola, con la conseguenza che la raccolta, per la quale viene utilizzata manodopera femminile, assume un ruolo determinante. Il momento di raccolta è abbastanza variegato e ripartito in diversi periodi dell’anno e per far fronte alle esigenze delle lavoratrici con bambini al di sotto dei tre anni è stato ideato l’asilo itinerante del distretto. 

In Basilicata, nelle norme regionali del “Regolamento dei servizi socioeducativi per la prima infanzia, l’infanzia e le famiglie”, è stato introdotto all’art. 6 la possibilità di realizzare il Micronido familiare anche nella modalità itinerante:

Art. 6 Micronidi familiari
2. I micronidi possono avere sede nelle abitazioni dei genitori, nido itinerante, in una abitazione di uno dei genitori, nido stabile, oppure in altra sede che risponda ai requisiti e agli standard strutturali stabiliti in seguito.
3. Il micronido può ospitare fino ad un massimo di 6 bambini, in base alla disponibilità di spazio e alle caratteristiche dell’abitazione .

 


PER SAPERNE DI PIU’ sui servizi innovativi per l’infanzia, il corso “APRIRE UN ASILO NIDO E SERVIZI INNOVATIVI”

CHIEDI INFORMAZIONI QUI >>>